Glencore contamina campi in Congo

Glencore sfrutta miniere di rame e cobalto nella città congolese di Kolwezi. L’ambiente circostante le miniere continua a subire gli effetti dell’inquinamento.

A gennaio 2018, una diga sul sito minerario della Kamoto Copper Company – una filiale di Glencore – è crollata. I campi e i giardini di 460 famiglie sono stati contaminati con le tossine della miniera. A oggi le terre non sono ancora coltivabili.

 

Nel 2013 e 2014, degli agenti inquinanti sono fuoriusciti dalla miniera “Mutanda” di Glencore verso i campi di 26 famiglie di agricoltori. In totale, il suolo e i raccolti su una superficie di circa 24 ettari sono stati distrutti. Questi campi non sono ancora coltivabili correttamente.

 

Su un periodo di dodici mesi tra il 2013 e il 2014, degli agenti inquinanti della miniera di rame e cobalto “Mutanda” si sono riversati nei campi di 26 famiglie di agricoltori a Moloka, un villaggio situato alla frontiera sud-ovest della concessione mineraria. L’inquinamento del suolo è così grave che è ancora visibile oggi sulle immagini satellitari.

 

I campi di Moloka prima del disastro ecologico a gennaio 2013. © Google Earth

 

I campi di Moloka a ottobre 2018: l’inquinamento è ancora visibile. © Google Earth

 

Troverete più informazioni sul rapporto di Pane per tutti e Sacrificio Quaresimale (in francese).

Quel che cambia con l’iniziativa:

Con l’Iniziativa Multinazionali Responsabili, Glencore verrebbe considerata responsabile dei danni commessi e dovrebbe indennizzare adeguatamente le famiglie coinvolte.

Altri scandali:

Tutti gli scandali qui:

Nuvole di diossido di zolfo in Zambia

La televisione svizzera ha scoperto pratiche scioccanti: da 20 anni Glencore inquina l’aria con diossido di zolfo nei pressi della sua miniera di rame in Zambia. Questo gas altamente corrosivo provoca gravi malattie delle vie respiratorie e dei decessi.

Saperne di più

L’orrore in una miniera d’oro

L’emissione Rundschau della SRF (televisione svizzero-tedesca) ha trasmesso alcune immagini della città mineraria “La Rinconada” in Perù, dove migliaia di minatori scavano la roccia alla ricerca di oro in condizioni terribili.

Saperne di più

Continuando ad utilizzare il sito, l'utente accetta di utilizzare i cookie Saperne di più.

I parametri dei cookies su questo sito web sono regolati su “autorizzare i cookies” per poterle offrire la migliore esperienza di navigazione. Se utilizza questo sito web senza modificare i parametri dei cookies o se clicca su “accettare”, indica il suo consenso. Ulteriori informazioni sugli strumenti utilizzati.

Chiudere